×

Pensione supplementare

COS'È

La pensione supplementare è la pensione liquidata ai lavoratori o ai pensionati che:

  • hanno versato dei contributi in una delle gestioni dall’assicurazione generale obbligatoria dell’Inps in misura non sufficiente a garantirgli il diritto a pensione in tale gestione
  • hanno già conseguito (o conseguono contestualmente) la titolarità di un trattamento pensionistico diretto a carico di una gestione diversa, che sia dell’Assicurazione generale obbligatoria, delle forme esclusive e sostitutive della medesima, delle gestioni previdenziali autonome, nonché delle gestioni previdenziali obbligatorie dei liberi professionisti

Questi requisiti devono essere entrambi soddisfatti.

 

Di Seguito trovi un breve video su come richiedere online una pratica di Pensione Supplementare collegandoti a www.digitacgil.it (al momento il servizio è disponibile in via sperimentale per la sola provincia di Lecco):

0

SCADENZA

60 giorni prima della maturazione dei requisiti

CHI NE HA DIRITTO

Hanno diritto alla pensione supplementare i lavoratori o i pensionati che abbiano compiuto l’età stabilita per il pensionamento di vecchiaia dalle norme vigenti nella Gestione o Fondo cui viene richiesta, o che siano invalidi.

La pensione supplementare nell’AGO non spetta ai titolari di pensione a carico di Casse e Fondi per liberi professionisti e inoltre l’INPS non eroga detta prestazione ai titolari di trattamento pensionistico nella Gestione Separata.


Lavoratori Dipendenti

Il requisito principale è la titolarità di una qualsiasi pensione liquidata in una gestione sostitutiva, esclusiva dell’AGO e presenza di contribuzione nel Fondo Pensione Lavoratori Dipendenti che non da diritto alla liquidazione di prestazioni.
Nel Fondo Pensione Lavoratori Dipendenti possiamo avere la pensione supplementare:

  • di vecchiaia quando al compimento dell’età pensionabile richiesta nel Fondo Pensione Lavoratori Dipendenti per la pensione di vecchiaia non si ha requisito di assicurazione e contribuzione previsti per la prestazione autonoma e si ha cessato il rapporto di lavoro dipendente, requisito richiesto per le supplementari di vecchiaia a decorrere dal 1° gennaio 1993
  • di invalidità quando c’è il riconoscimento dei requisiti sanitari per l’assegno ordinario di invalidità e mancanza dei requisiti di contribuzione per un trattamento autonomo
  • ai superstiti quando nel Fondo Pensione Lavoratori Dipendenti c’è conribuzione che non da diritto a pensione indiretta autonoma

Lavoratori Autonomi

Il requisito principale è la titolarità di una qualsiasi pensione liquidata in una gestione sostitutiva, esclusiva dell’Assicurazione Generale Obbligatoria e presenza di contribuzione nelle Gestioni dei lavoratori autonomi che non da diritto alla liquidazione di prestazioni.
Nelle Gestioni Speciali dei lavoratori autonomi possiamo avere la pensione supplementare:

  • di vecchiaia quando al compimento dell’età pensionabile richiesta nelle gestioni per la pensione di vecchiaia non si ha requisito di assicurazione e contribuzione previsti per la prestazione autonoma
  • di invalidità quando c’è il riconoscimento dei requisiti sanitari per l’assegno ordinario di invalidità e mancanza dei requisiti di contribuzione per un trattamento autonomo
  • ai superstiti quando nelle gestioni c’è contribuzione che non da diritto a pensione indiretta autonoma

Lavoratori iscritti alla Gestione Separata

I requisiti per i lavoratori iscritti alla Gestione Separata sono:

  • titolarità di una pensione liquidata nell’Assicurazione Generale Obbligatoria o in una gestione sostitutiva, esclusiva dell’Assicurazione Generale Obbligatoria o nelle casse dei liberi profesionisti
  • compimento dell’età pensionabile richiesta nella Gestione separata per la pensione di vecchiaia nel sistema contributivo e mancanza del requisito di assicurazione e contribuzione previsti per la pensione di vecchiaia autonoma

oppure

  • riconoscimento del requisito sanitario per il diritto all’assegno ordinario di invalidità

Documenti necessari per avviare la pratica

  • Carta d'identità e codice fiscale del richiedente

  • Carta d'identità e codice fiscale del coniuge (se coniugato)

  • Ultima dichiarazione dei redditi o ultimo CU

Consulenza Previdenziale Semplice

Rivolgiti a noi per il rilascio e il controllo dell'estratto contributivo, per l'autorizzazione ai versamenti volontari, per la rettifica della tua posizione assicurativa, per l'accredito dei contributi figurativi, per le maggiorazioni contributive e per l'ECOCERT. Un operatore esperto ti aiuterà a prendere la decisione migliore.

24

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Per le tue esigenze

Appuntamento

Invio pratiche

Consulenza prestazioni reddituali

Prevede una consulenza ampia e qualificata in merito alla richiesta di ricostituzioni della pensione per motivi reddituali come la richiesta di assegni famigliari, di maggiorazioni sociali, della quattordicesima, di incumulabilità con redditi e di integrazione al minimo. Prevede inoltre la verifica di eventuali indebiti comunicati dagli istituti e l'assistenza per annullarli o per sanarli.

15

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Per le tue esigenze

Appuntamento

Invio pratiche

Verifica calcolo pensione

Valorizzare tutti i contributi versati è importante ma spesso il lavoratore non si preoccupa di verificare l'importo della sua pensione. A questo proposito offriamo all'interno di uno speciale pacchetto di consulenza il controllo pensione, la consulenza sul supplemento o sulla pensione supplementare e sulla ricostituzione contributiva.

50

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Appuntamento Valore alla tua pensione Invio pratiche