×

Denuncia dei contributi omessi

COS'È

La denuncia dei contributi omessi avviene nel caso in cui il datore di lavoro non abbia versato i contributi, nei modi e nei termini prescritti dalla legge.

Con la denuncia dei contributi omessi il lavoratore interrompe i termini di prescrizione facendo ripartire da 0 il conteggio dei 5 anni. Ricevuta la segnalazione l’Inps affiderà ad un ispettore il caso.

Le norme consentono al datore di lavoro che abbia omesso di versare i contributi e non possa più versarli per intervenuta prescrizione, di chiedere all’INPS la “regolarizzazione tardiva della posizione assicurativa” con la costituzione della rendita vitalizia reversibile.

Il lavoratore può, in sostituzione del datore di lavoro, chiedere la costituzione della rendita vitalizia reversibile e pagare il relativo onere.

0

SCADENZA

I contributi omessi si prescrivono dopo 5 anni

CHI NE HA DIRITTO

Possono denunciare l’omissione contributiva i lavoratori dipendenti, cooadivanti di imprese artigiane e commerciali, i componenti il nucleo familiare coltivatore diretto, i lavoratori parasubordinati e i dipendenti pubblici. I lavoratori autonomi, essendo responsabili per la propria contribuzione previdenziale, non possono denunciare l’omissione.

E’ bene ricordare che, a tutela del lavoratore, le prestazioni assicurative come la NAspi o la pensione  sono dovute al lavoratore, anche quando il datore di lavoro non ha versato regolarmente i contributi dovuti agli istituti di previdenza e di assistenza. I contributi che, con documenti di data certa, il lavoratore dimostra come “dovuti” anche se non effettivamente versati, sono comunque utili ai fini del conseguimento dei requisiti per il diritto e il calcolo della pensione, purché non siano superati i termini della prescrizione. Questo grazie all’istituto dell’automaticità della prestazione. Nei casi in cui l’automatismo non opera, la responsabilità è del datore di lavoro, il quale è tenuto a risarcire il danno che ne deriva al prestatore di lavoro.

Documenti necessari per avviare la pratica

  • Carta d'identità e codice fiscale del richiedente

  • Documentazione attestante l'attività lavorativa nei periodi omessi

  • Carta d'identità e codice fiscale del coniuge (se coniugato)

Consulenza Previdenziale Complessa

Rivolgiti a noi per la domanda di riscatto, ricongiunzione, per la valorizzazione dei contributi da lavoro estero, per le dimissioni volontarie. Spesso le carriere lavorative prevedono il versamento dei contributi in due o più casse diverse e prendere la decisione migliore spesso significa un calcolo di pensione più vantaggioso.

75

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Appuntamento Invio pratiche Per ogni esigenza

Consulenza Previdenziale Semplice

Rivolgiti a noi per il rilascio e il controllo dell'estratto contributivo, per l'autorizzazione ai versamenti volontari, per la rettifica della tua posizione assicurativa, per l'accredito dei contributi figurativi, per le maggiorazioni contributive e per l'ECOCERT. Un operatore esperto ti aiuterà a prendere la decisione migliore.

24

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Per le tue esigenze

Appuntamento

Invio pratiche