×

Cecità Civile

COS'È

La cecità civile è una condizione invalidante non derivante da cause di guerra, di servizio o di lavoro.

Le norme in vigore distinguono i ciechi civili in:

  • ciechi assoluti: hanno un residuo visivo 00 in entrambi gli occhi con eventuale correzione (totale mancanza della vista o la mera percezione dell’ombra o della luce)
  • ciechi parziali: hanno un residuo visivo non superiore a un ventesimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione (ciechi ventesimisti) o compreso tra un decimo e un ventesimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione (ciechi decimisti). Questa categoria non ha più benefici economici in quanto l’assegno vitalizio è stato soppresso

 

Hanno diritto ad una maggiorazione pari a 4 mesi per ogni anno di assicurazione, utile ai fini del diritto e della misura della pensione:

  • coloro i quali sono colpiti da cecità assoluta o hanno un residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi, con eventuale correzione
  • i superstiti cui spetta la pensione indiretta. Gli istituti previdenziali escludono che i superstiti aventi diritto alla pensione di reversibilità possano richiedere la maggiorazione se il dante causa non aveva esercitato il diritto all’atto della domanda di liquidazione della pensione diretta

Per periodi inferiori all’anno, la maggiorazione viene determinata proporzionalmente.

 

0

SCADENZA

90 giorni dal rilascio del certificato medico

CHI NE HA DIRITTO

Sono considerati ciechi civili coloro che, in sede di visita medica presso la competente commissione sanitaria, siano riconosciuti affetti da cecità totale o abbiano un residuo visivo non superiore a un ventesimo in entrambi gli occhi per causa congenita o contratta, non dipendente da cause di guerra, da infortunio sul lavoro o dal servizio.

Le pensioni riconosciute ai ciechi civili (a seconda del grado di cecità) sono:

  • Pensione non reversibile ciechi assoluti
  • Indennità di accompagnamento per cecità
  • Pensione non reversibile ciechi parziali (ventesimisti)
  • Indennità speciale ciechi parziali (ventesimisti)


Pensione non reversibile ciechi assoluti

E’ riconosciuta ai ciechi assoluti in possesso dei seguenti requisiti:

  • età superiore ai 18 anni. Per i minori a partire dal 1988 questa prestazione è stata sostituita dall’indennità di accompagnamento per ciechi.
  • residenza sul territorio nazionale
  • cittadinanza italiana o cittadinanza in uno dei paesi comunitari con regolare iscrizione all’anagrafe del Comune di residenza italiano o cittadinanza extracomunitaria con soggiorno legale in Italia e titolarità di permesso di soggiorno della durata di almeno un anno
  • possesso di redditi propri, assoggettati ad IRPEF, inferiori ai limiti stabiliti dalla legge e rivalutati annualmente (anno 2017 € 16.532,10). Non rilevano i redditi degli altri componenti il nucleo familiare

 

Dal 1° gennaio 2017 la misura della pensione è di € 302,53 per ciechi assoluti non ricoverati e € 279,47 per ciechi assoluti ricoverati.

Viene erogata per 13 mensilità, non è soggetta a trattenute IRPEF e non è reversibile.


Indennità di accompagnamento per cecità

E’ riconosciuta ai ciechi assoluti in possesso dei seguenti requisiti:

  • residenza sul territorio nazionale
  • cittadinanza italiana o cittadinanza in uno dei paesi comunitari con regolare iscrizione all’anagrafe del Comune di residenza italiano o cittadinanza extracomunitaria con soggiorno legale in Italia e titolarità di permesso di soggiorno della durata di almeno un anno

Non è soggetta a limiti di età e di reddito e spetta anche in caso di ricovero in istituto che provvede al sostentamento del cieco.

I minori ciechi assoluti hanno diritto solo a questa indennità.
Dal 1° gennaio 2017 è pari a € 899,38.

Viene erogata per dodici mensilità, non è soggetta a trattenute IRPEF e non è reversibile.


Pensione non reversibile ciechi parziali (ventesimisti)

E’ riconosciuta ai ciechi parziali in possesso dei seguenti requisiti:

  • residenza sul territorio nazionale
  • cittadinanza italiana o cittadinanza in uno dei paesi comunitari con regolare iscrizione all’anagrafe del Comune di residenza italiano o cittadinanza extracomunitaria con soggiorno legale in Italia e titolarità di permesso di soggiorno della durata di almeno un anno
  • possesso di redditi propri, assoggettati ad IRPEF, inferiori ai limiti stabiliti dalla legge e rivalutati annualmente (anno 2017 € 16.532,10). Non rilevano i redditi degli altri componenti il nucleo familiare

Non è soggetta a limiti di età. Ai minori ciechi parziali viene erogata questa prestazione e non l’indennità di frequenza.

La misura per l’anno 2017 è di € 279,47.

La pensione è erogata per 13 mensilità, non è soggetta a trattenute IRPEF e non è reversibile.


Indennità speciale ciechi parziali (ventesimisti)

E’ riconosciuta ai ciechi parziali in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana o cittadinanza in uno dei paesi comunitari con regolare iscrizione all’anagrafe del Comune di residenza italiano o cittadinanza extracomunitaria con soggiorno legale in Italia e titolarità di permesso di soggiorno della durata di almeno un anno

Non è soggetta a limiti di età e di reddito, essendo riconosciuta al solo titolo della minorazione.

Ai minori ciechi parziali viene erogata questa prestazione e non l’indennità di frequenza.
Dal 1° gennaio 2017 l’indennità è pari a € 206,59. E’ erogata per 12 mensilità, non è soggetta a trattenute IRPEF e non è reversibile.

 

Documenti necessari per avviare la pratica

  • Carta d'identità e codice fiscale del richiedente

  • Certificato medico per invalidità civile

  • Dichiarazione dei redditi o Cud o Obis M

  • Precedente verbale (se esistente)

Pacchetto Consulenza L.104

Prevede una consulenza completa riguardo ai permessi mensili, ai congedi straordinari, alla malattia, alle agevolazioni fiscali, all'invio telematico delle richieste di autorizzazione ai permessi e a tutto ciò che può aiutare il lavoratore e i suoi familiari a vivere più sereni e a conciliare la vita lavorativa con quella privata.

68

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Consulenza specialistica Appuntamento Invio pratiche

Consulenza Previdenziale Semplice

Rivolgiti a noi per il rilascio e il controllo dell'estratto contributivo, per l'autorizzazione ai versamenti volontari, per la rettifica della tua posizione assicurativa, per l'accredito dei contributi figurativi, per le maggiorazioni contributive e per l'ECOCERT. Un operatore esperto ti aiuterà a prendere la decisione migliore.

24

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Per le tue esigenze

Appuntamento

Invio pratiche

Consulenza prestazioni reddituali

Prevede una consulenza ampia e qualificata in merito alla richiesta di ricostituzioni della pensione per motivi reddituali come la richiesta di assegni famigliari, di maggiorazioni sociali, della quattordicesima, di incumulabilità con redditi e di integrazione al minimo. Prevede inoltre la verifica di eventuali indebiti comunicati dagli istituti e l'assistenza per annullarli o per sanarli.

15

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Per le tue esigenze

Appuntamento

Invio pratiche