×

Assegno Ordinario d’Invalidità

COS'È

L’assegno ordinario d’invalidità è una prestazione concessa al lavoratore invalido. Si considera invalido l’assicurato la cui capacità di lavoro sia ridotta in modo permanente, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, a meno di un terzo.

La riduzione della capacità di lavoro va valutata con riferimento alle occupazioni confacenti alle attitudini dell’assicurato, considerando quindi i fattori soggettivi (età, sesso, esperienza professionale, ecc.) che servono a determinare le attitudini del richiedente l’assegno e la conciliabilità della patologia con il lavoro svolto.

L’assegno ordinario d’invalidità è compatibile con l’attività lavorativa. L’assegno ordinario d’invalidità è riconosciuto per un periodo di tre anni ed è confermabile per due trienni.

0

SCADENZA

90 giorni dall'invio del certificato medico SS3

CHI NE HA DIRITTO

Il lavoratore deve essere in possesso di due requisiti:

  • Sanitario
    Riconoscimento di infermità fisica o mentale con riduzione permanente della capacità di lavoro inferiore ad un terzo in occupazioni confacenti alle attitudini lavorative. Il diritto all’assegno di invalidità esiste anche nei casi nei quali la riduzione della capacità lavorativa a meno di un terzo preesista al rapporto assicurativo, a condizione che vi sia stato un successivo aggravamento o siano sopraggiunte nuove infermità.
  • Requisiti assicurativi e contributivi
    Anzianità assicurativa e contributiva di almeno 5 anni (260 settimane) di cui almeno 3 (156 settimane) nel quinquennio precedente la domanda. Il requisito assicurativo e contributivo può essere maturato cumulando la contribuzione da lavoro dipendente con quella versata in una delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (Art-Comm-CD/CM). In tal caso la prestazione sarà liquidata nella gestione autonoma nella quale l’assicurato ha contribuito per ultimo. Si può perfezionare il requisito contributivo in epoca successiva alla domanda di assegno di invalidità. Il requisito contributivo deve intendersi perfezionato con il versamento di un numero di contributi pari a quelli mancanti nel quinquennio precedente la domanda.

Documenti necessari per avviare la pratica

  • Carta d'identità e codice fiscale del richiedente

  • Cerificato medico SS3

  • Carta d'identità e codice fiscale del coniuge (se coniugato)

  • Ultima dichiarazione dei redditi o ultimo CU

  • Codice Iban

Pacchetto Consulenza L.104

Prevede una consulenza completa riguardo ai permessi mensili, ai congedi straordinari, alla malattia, alle agevolazioni fiscali, all'invio telematico delle richieste di autorizzazione ai permessi e a tutto ciò che può aiutare il lavoratore e i suoi familiari a vivere più sereni e a conciliare la vita lavorativa con quella privata.

68

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Consulenza specialistica Appuntamento Invio pratiche

Consulenza Previdenziale Complessa

Rivolgiti a noi per la domanda di riscatto, ricongiunzione, per la valorizzazione dei contributi da lavoro estero, per le dimissioni volontarie. Spesso le carriere lavorative prevedono il versamento dei contributi in due o più casse diverse e prendere la decisione migliore spesso significa un calcolo di pensione più vantaggioso.

75

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Appuntamento Invio pratiche Per ogni esigenza

Consulenza Previdenziale Semplice

Rivolgiti a noi per il rilascio e il controllo dell'estratto contributivo, per l'autorizzazione ai versamenti volontari, per la rettifica della tua posizione assicurativa, per l'accredito dei contributi figurativi, per le maggiorazioni contributive e per l'ECOCERT. Un operatore esperto ti aiuterà a prendere la decisione migliore.

24

Costo per i non iscritti CGIL

0

Costo per gli iscritti CGIL

Per le tue esigenze

Appuntamento

Invio pratiche